ARTICLE MARKETING ITALIANO

ARTICLE MARKETING ITALIA

La cartomanzia come eventuale evasione dai problemi determinati dalla crisi economica

La necessità di evitare il più possibile rapporti con l’altro che la pandemia ha imposto come regola dominante del vivere sociale ha contribuito a far sorgere un’amara distanza dagli affetti e dal sano divertimento che ognuno di noi spesso ricerca per evadere dalla routine quotidiana. Limitare la socialità ha chiaramente avuto ripercussioni anche nelle relazioni lavorative perchè l’esigenza di interrompere incontri addirittura all’aperto ha voluto dire arrestare il naturale corso di qualunque economia. Si registra pertanto una diffusa disperazione soprattutto tra quegli strati sociali per i quali dall’assenza di lavoro derivano forti colpi inferti alla dignità personale e ad una vita che poggia la sua fragile serenità su guadagni da sempre non rilevanti. In questa situazione vi sono coloro che trovano una sorta di conforto nella lettura dei tarocchi vista come un mezzo attraverso cui sperare di scoprire in anticipo notizie positive sopra il proprio futuro. Afflitti da un presente contrassegnato da pesanti disagi, alcuni cioè considerano evidentemente il mondo esoterico come un’ancora cui aggrapparsi per continuare a coltivare la speranza. Spesso si vivono momenti in cui la forza della ragione manifesta i suoi gravi limiti e in virtù di questa incapacità a modificare situazioni intollerabili esistono quelli che optano per una interpretazione delle carte. Forse questa tensione verso il mistero aiuta psicologicamente alcuni individui a ritagliarsi qualche pausa dalla pesantezza dei loro problemi. C’è invece chi crede ciecamente in forze fuori dell’umano e vede nella lettura dei tarocchi uno strumento idoneo attraverso cui capire più a fondo l’essenza di taluni accadimenti. Sta di fatto che in tempi di crisi economica un settore che risente meno degli altri dei suoi effetti recessivi è proprio quello legato al mondo della cartomanzia e in genere all’universo esoterico.

I CARTOMANTI CONTINUANO A GUADAGNARE DURANTE UNA CRISI ECONOMICA ?

Per alcuni sono proprio le tensioni causate da un periodo di recessione a stimolare individui a rivolgersi agli operatori dell’esoterico nella speranza, sia pure labile, che essi siano in grado di spiegare il presente e predire eventi futuri attraverso l’interpretazione dei tarocchi. Tra questi vi sono anche coloro che considerano a tal punto credibili i responsi derivanti dalle carte da pensare che esse riescano perfino a suggerire con una qualche precisione le strade da percorrere per cambiare lo stato deprimente delle cose. Abbandonando quest’ultimo aspetto che appartiene a credenze soggettive, il dato da rilevare è quello per cui durante una recessione mentre la maggior parte delle attività rischia spesso il fallimento, i consulti di cartomanzia aumentano. Tanto più dunque si è vittime dell’emergere di problematiche legate all’immobilismo economico quanto più chi è amante dei tarocchi è portato a consultarli. Costoro hanno la sensazione che interrogando il mondo esoterico possano dallo stesso ricevere valutazioni sul loro presente e specialmente sul futuro cui una impostazione razionale non può giungere. A questo elemento si deve inoltre aggiungere il desiderio quasi incontenibile di sollevarsi da una condizione precaria che costituisce il motivo principale che muove individui ad attingere alla fonte dei tarocchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *