ARTICLE MARKETING ITALIANO

ARTICLE MARKETING ITALIA

L’enogastronomia, il motore del Turismo italiano.

Si sa l’Italia è il Paese che racchiude circa il 75% del patrimonio culturale mondiale ed è invidiato da tutto il mondo. Ma non è il primo motivo per cui i turisti stranieri si muovono in Italia. L’Osservatorio nazionale del Turismo ha evidenziato che la spesa complessiva nel 2017 in attività enogastronomiche, è stata di circa 217 milioni di euro.

Insomma, ogni turista che viene in Italia per mangiare e bere, spende al giorno circa 149,9 euro. Un budget ben superiore, rispetto alle intenzioni di viaggio come: vacanza sportiva, vacanza balneare o un vacanza in montagna.

 

Per quale motivo il turismo enogastronomico è cresciuto?

Sei il mercato enogastronomico è cresciuto, è soprattutto grazie agli imprenditori italiani che hanno saputo creare un filo conduttore tra i piatti proposti all’interno delle proprie strutture ricettive ed il territorio che li circonda. Molte aziende vitivinicole hanno creato un Brand molto legato alla zona di interesse ma anche la storia che avvolge l’attività commerciale di riferimento. Il raccontare la propria azienda, il proprio prodotto è la miglior tecnica di vendita che ha riscontrato maggior successo con i clienti stranieri.

Inoltre, gli imprenditori alberghieri hanno creato delle strutture davvero molto belle ed invitanti tanto che, alcuni turisti, fanno dei calendari personalizzati online con le foto fatte durante la propria vacanza. Un altro pregio del settore enogastronomico italiano è stato di sicuro il processo di destagionalizzazione: attraverso degli eventi i produttori, sono riusciti ad allargare i flussi turistici anche durante le stagioni invernali.

 

Da dove vengono i turisti che spendono di più?

Sempre secondo Enit, i turisti che spendono di più in Italia sono:

  • al primo posto i turisti provenienti dagli Stati Uniti;
  • al secondo posto gli Inglesi;
  • al terzo gli Austriaci.

Una delle ragioni che spinge il turista straniero in Italia è sicuramente la qualità dei prodotti che si possono trovare nel BelPaese. Infatti, l’Italia in un’apposita classifica, è al primo posto per il numero di riconoscimenti di prodotti alimentari Dop (Denominazione d’Origine Protetta) e Igp (Indicazione geografica protetta). L’Italia, assieme a Francia e Spagna vanta il 54% dei prodotti Dop ed Igp registrati in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *